Get Adobe Flash player

tesseramento2014

opes

Convenzioni
Oleificio dei Fiori s.r.l. Via Salaria Nuova, km 44,500 Loc. Canneto di Fara Sabina 02030 - Rieti - P.IVA 00879620573 Tel. +390765.383.011 - Fax. +390765.383.015 www.colledelcontadino.it - info@colledelcontadino.it Il mio B&B l'ho sempre immaginato e desiderato così come è nato in Nord Europa. Ospite in famiglia per pernottamento e prima colazione ad ottimo prezzo. Oggi grazie alla grande collaborazione di mio marito Gianni, questo sogno è diventato realtà!! Sarò lieta di ospitarvi nel mio B&B, garantendovi la massima tranquillità, colore, comfort e la massima igiene degli ambienti.

CORSI ECM GRATUITI

PER GLI ISCRITTI UIL-FPL

ecmJpg

Immagine_3

OBIETTIVO TUTELA

LogoOT_ridotto

uilconfederale

News

04/07/2014. Adesione al Fondo Perseo del personale ANPAS
il 26 giugno 2014 presso la sede nazionale di ANPAS è stato firmato un verbale...
04/07/2014. Rinnovo CCNL Misericordie d'Italia.
Il 26 giugno 2014 presso la sede nazionale delle Misericordie d’Italia è stata firmata l’ipotesi...
17/06/2014.DPCM stabilizzazione precari in sanità.
Il Ministero della Salute ci ha presentato un nuovo testo dello schema di DPCM per...
03/06/2014. Firmato l'accordo nazionale per detassazione lavoratori Misericordie
Scarica l'accordo.
La UIL-FPL incontra gli infermieri. Il 21 marzo 2014 Convegno a Roma
Venerdì 21 marzo p.v., alle ore 09:30, presso la Sala 1 del Polo Universitario Giovanni...
14/02/2014. Firma definitiva CCNL Anpas 2010/2012.
Scarica il CCNL.
14/02/2014. Ispezioni del MEF sulla contrattazione decentrata integrativa.
Scarica la nota in merito all'incontro.

Comunicati

25/07/2014. Camere di Commercio.La mobilitazione produce i primi risultati. Ma non basta!
Governo e Unioncamere diano garanzie sull'occupazione“La modifica del Dl...
23/07/2014. Grande partecipazione dei lavoratori delle Camere di Commercio.
Cgil Cisl Uil: “No ai tagli, sì alla riorganizzazione” Oltre mille...
18/7/14 Comunicato stampa unitario : Riforma Pa CCIAA
Comunicato Stampa Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Fpl Riforma Pa Camere di Commercio:...
07/07/2014. Enti Locali: lavoratori in piazza per chiedere una vera riforma.
Si è tenuta oggi, di fronte alle Prefetture di tutta...

18/7/14 Comunicato stampa unitario : Riforma Pa CCIAA

camcomm_lug2014-page-001

Comunicato Stampa Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Fpl

 

Riforma Pa Camere di Commercio: il 23 lavoratori in piazza a Roma

Sì alla riorganizzazione, no allo smantellamento dei servizi

 

18 luglio 2014

 

Il 23 luglio, in Piazza di Pietra a Roma, i lavoratori delle Camere di Commercio manifesteranno assieme a Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl contro lo smantellamento del sistema camerale. Un'iniziativa che fa seguito alla mobilitazione sul territorio e alla raccolta firme per richiedere la cancellazione dell'Art. 28 del Dl 90. Con quell'articolo, fortemente e incomprensibilmente voluto dal Governo Renzi, è stato previsto il taglio del 50% degli oneri camerali e quindi della principale fonte di sostentamento di un sistema di servizi utile ad aziende che, come emerso da una recente indagine di Confcommercio, per oltre il 70% lo ritengono indispensabile, apprezzando la qualità dell'offerta.

 

181 camere di commercio di cui 76 all’estero, per un totale di 7.546 dipendenti (dato 2012), 69 camere arbitrali, 105 camere di conciliazione,  46 borse merci e Sale di contrattazione, 9 borse immobiliari e 131 Aziende Speciali.

Il sistema camerale destina circa il 90% del volume delle proprie risorse al territorio (465 MLN€) sotto forma di servizi alle imprese (promozione della competitività, internazionalizzazione, corretto funzionamento dei mercati), servizi di e-gov per facilitare il rapporto tra imprese e PA, accesso al credito (Confidi).

 

Questo è il mondo delle Camere di Commercio. Il sindacato ha le proposte necessarie per riformarlo senza penalizzare il nostro sistema di imprese: razionalizzando il sistema delle aziende speciali, snellendo i livelli, promuovendo sinergie e messa in comune di funzioni tra Unioni Regionali e Camere di commercio provinciali e soprattutto ridisegnando la rete dei servizi in funzione dell’innovazione produttiva e nel quadro del riassetto istituzionale e amministrativo del territorio.

 

Spetta adesso al Parlamento modificare una simile stortura ed è questo che i lavoratori delle Camere di Commercio chiederanno in piazza il 23 Luglio.

 

23/06/2014. Proposta unitaria su autonomie locali.

In allegato la proposta unitaria per il settore delle autonomie locali che abbiamo elaborato unitariamente come federazioni di categoria di Cgil Cisl e Uil, e che è stata presentata e discussa questa mattina.

Lo scopo di questo documento è indicare un percorso vero di riforma delle amministrazioni territoriali e di riorganizzazione degli enti, che sia parte integrante di una sfida più ampia: ricostruire il raccordo tra modello amministrativo e tessuto produttivo, per restituire legittimità e prospettiva al lavoro pubblico come “produttore di valore” e alla P.A. come volano di crescita per cittadini, famiglie e imprese.

Proponiamo 5 azioni concrete, con l'intento di lanciare una sfida al Governo nazionale e a quelli locali: attivare subito la partecipazione dei lavoratori attraverso il confronto sulle funzioni da trasferire, sui nuovi assetti amministrativi e sugli strumenti contrattuali. Per affrontare e superare i limiti, le incoerenze e le rigidità dell'attuale modello di governance degli enti locali con una vera innovazione organizzativa, e costruire una rete di welfare capace di rispondere alle emergenze sociali, favorire la coesione e la crescita delle comunità, sostenere e valorizzare le potenzialità produttive dei territori.

Da queste proposte - che abbiamo inviato al Governo - parte da oggi una mobilitazione capillare, la cui prima tappa è l'iniziativa unitaria indetta per il prossimo 7 luglio, con sit-in davanti ogni Prefettura del Paese e/o sede dei Consigli Regionali e per la quale seguirà specifico comunicato.

Obiettivo cardine della mobilitazione è quello di coinvolgere le istituzioni e la società civile in una nuova stagione di partecipazione e cambiamento in cui il sindacato del lavoro pubblico  e i lavoratori degli enti locali siano i protagonisti.

 

LA PROPOSTA UNITARIA SULLE AUTONOMIE LOCALI

 

 

CGIL CISL UIL, LANCIANO LA PROPOSTA DI RIFORMA DELLA PA, DISPONIBILI AL CONFRONTO

 

Al centro del documento presentato oggi alla stampa dai sindacati, l'idea che la Pubblica amministrazione abbia bisogno di un cambiamento vero. "Non dell’ennesima riforma di facciata, ma di una riorganizzazione profonda che punti all’eccellenza e faccia del settore pubblico il presupposto dello sviluppo economico e sociale del Paese".

"Oggi la percezione diffusa è quella di una presenza massiccia della sfera pubblica in termini di spesa e quindi di tasse, che però  non si traduce in un ritorno in termini di servizi" avvertono Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa. "E in mezzo a tante riforme tentate o annunciate, è mancata una visione complessiva sulle funzioni e sui compiti della pubblica amministrazione che vogliamo".

"Una riforma della Pubblica amministrazione che voglia essere il motore di un Paese avanzato deve definire gli orizzonti strategici: quale sanità, quali servizi sociali, quale giustizia, quale valorizzazione dei beni culturali, quale istruzione, quale ricerca, quali politiche del lavoro deve essere in grado di realizzare" si legge ancora nel documento. E su queste linee occorre riorganizzare il modello di welfare: “A partire dai contratti di lavoro, ma anche dalla semplificazione amministrativa e normativa, dalla costruzione delle reti territoriali e dei punti di accesso unificato per cittadini e imprese, dalla razionalizzazione che taglia la spesa cattiva e innova i servizi. E poi dall’investimento nelle competenze, da una diversa gestione degli organici, dagli strumenti della flessibilità che migliorano la produttività e i servizi, dalla valutazione che premia i risultati, da un modello più avanzato di dirigenza responsabile, meno dirigenti, nuove assunzioni per favorire l’ingresso dei giovani nella P.A. ed il pensionamento dei dipendenti che svolgono mansioni usuranti.”

E' questa la controproposta unitaria che le quattro categorie del pubblico impiego porteranno al governo domani, in particolare al ministro per la Pa Marianna Madia, che li ha convocati a Palazzo Vidoni.

LA PROPOSTA

LA SINTESI

 

 

Cgil, Cisl e Uil: le nostre 45 risposte alle domande del Governo Renzi


Riforma Pa: il 23 maggio assemblee in tutta Italia per discutere le proposte

“45 idee per discutere della riforma della pubblica amministrazione con 
le lavoratrici e i lavoratori nelle assemblee del 23 maggio, per poi 
rilanciare le proposte di Cgil, Cisl e Uil di categoria sulla 
riorganizzazione dei servizi e sul lavoro pubblico”. Con una nota 
congiunta Rossana Dettori, Giovanni Faverin, Giovanni Torluccio e 
Benedetto Attili, rispettivamente Segretari Generali di Fp-Cgil, 
Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa, lanciano i 45 punti in risposta alla lettera 
inviata ai dipendenti delle Pa dal Presidente del Consiglio dei Ministri 
Matteo Renzi e dalla Ministra della Funzione Pubblica Marianna Madia.

“Più che una sfida lanciamo un'opportunità: aprire una fase di riforma 
partecipata. Fare finalmente la spending review per riqualificare la 
spesa, eliminare sacche di spreco e investire in servizi efficienti. A 
Renzi e Madia diamo la possibilità di ripensare l'offerta di servizi 
partendo dal lavoro, con un confronto ancora possibile. Se lo vogliono 
davvero – concludono Dettori, Faverin, Torluccio e Attili – se vogliono 
andare oltre gli spot e le consultazioni “mediatiche”, troveranno con 
sorpresa una riforma già pronta, un mondo del lavoro pubblico che, 
nonostante 5 anni di blocco del contratto nazionale e la troppa 
propaganda negativa, ha ancora le capacità e le idee per contribuire al 
cambiamento del Paese”.

Scarica le risposte unitarie ai 44 punti

Scarica i volantini di risposta della mail di Renzi e del 23 maggio

 

27/03/2014. Sottoscritto il CCNL Federcasa

Oggi 27 marzo 2014, nella sede di Federcasa, è stato sottoscritto il CCNL Federcasa per il periodo 1.1.2010-31.12.2012 e 1.1.2013-31.12.2015.

La firma arriva dopo che le assemblee dei lavoratori e delle lavoratrici delle aziende interessate, hanno ratificato la preintesa siglata il 4/3/2014 con una notevole partecipazione ed a larghissima maggioranza. Il dato dimostra il senso di responsabilità dei lavoratori e delle lavoratrici a fronte di una situazione difficilissima che ha visto la controparte arrivare alla disdetta ed al recesso del CCNL, che avrebbe avuto effetto dal prossimo 1/1/2014.

Leggi tutto...

 

casauil

fondoperseo

UIL-FPL Informa

15/07/2014

 Edizione n.80

effepielle_n_80_del_15_LUGLIO_2014

camcomm_grazie
evasionefirmanchetu_leftcolumn
volantino_cciaa_raccoltafirme-page-001
credit
uilfplmail