Comunicato Stampa Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uilpa

Messaggio speciale a governo Renzi, a Natale niente regali ma rinnovi subito

Roma, 14 dicembre 2015 - Un pensiero speciale, in vista del prossimo Natale, da consegnare direttamente al presidente del Consiglio. Un messaggio netto e chiaro per ribadire come le lavoratrici e i lavoratori dei servizi pubblici non si aspettano 'regali' sotto l'albero ma il riconoscimento di un loro diritto: un contratto giusto, che manca ormai da oltre sei anni. Lo 'consegneranno' Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa domani (martedì 15 dicembre) al governo in occasione del sit-in che si terrà a Roma in piazza Montecitorio dalle ore 10.30 alle 13.30, in contemporanea con la discussione alla Camera dei deputati sulla legge di Stabilità.

Dopo la grande manifestazione del 28 novembre scorso a Roma, con i 30 mila in piazza per rivendicare - dietro le parole 'Contratto subito, pubblico 6 tu' - le categorie del pubblico impiego di Cgil Cisl e Uil tornano a far sentire la protesta dei lavoratori dei servizi pubblici contro l'assordante silenzio del Governo nei confronti di un rinnovo dei contratti atteso da oltre sei anni.

In piazza domani, alla presenza dei segretari generali Rossana Dettori (Fp-Cgil), Giovanni Faverin (Cisl-Fp), Giovanni Torluccio (Uil-Fpl) e Nicola Turco (Uil-Pa), saranno 'consegnati' al premier, Matteo Renzi, e alla ministra della Pa, Marianna Madia, “gli auguri di milioni di lavoratrici e lavoratori pubblici che, anche quest'anno, dovranno festeggiare con la scatola vuota della legge di Stabilità".

SCARICA IL COMUNICATO

UIL FPL, FP CGIL, CISL FP hanno inviato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla Commissione di Garanzia per l’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, alla Presidentessa di AIOP e al Presidente di ARIS con la quale, considerata l'impossibilità di portare a conclusione la trattativa per il rinnovo del CCNL della sanità privata scaduto oramai da 12 anni, si chiede l’attivazione delle procedure di conciliazione previste ai sensi dell’art. 2 comma 2 della L. 146/90, così come modificato dalla L.83/2000, e da quanto previsto all’art. 5, c. 4 del CCNL 2002/05 per il personale non medico delle strutture sanitarie associate ad AIOP e ARIS (Sanità Privata).

LA NOTA UNITARIA

Roma 19/12/2015

Abbiamo avuto la conferma che il Presidente del Comitato Provinciale Croce Rossa di Roma, Ronzi ha trattenuto le somme ai lavoratori per il mancato preavviso.

Lo dichiara in una nota il Segretario Generale Uil Fpl Giovanni Torluccio.

Oltre 110 lavoratori passeranno il Natale senza stipendio a causa di una decisione, a nostro avviso, del tutto immotivata ed ingiusta presa dal Presidente del CRI di Roma, visto che gli stessi rientravano nel cambio appalto, indetto dalla Regione Lazio sulla emergenza ospedaliera – Ares 118, che non prevede l’ invio di dimissioni.

Nonostante tutto, prevedendo possibili conseguenze, abbiamo suggerito ai lavoratori di presentare le dimissioni per giusta causa, motivandole con il ritardo che si verifica ormai da molti mesi nell’erogazione degli stipendi del CRI di Roma, tanto da spingere molte volte la nostra sigla Uil Fpl ad intervenire per sbloccare la cose, mediando tra Ares 118 e lo stesso Comitato. Ma neanche questo è servito.

Ovviamente il nostro ufficio legale sta già predisponendo il tutto per tutelare i lavoratori, ma non possiamo non rimanere sconcertati per questo atteggiamento.

Ancora una volta riscontriamo difficoltà nei cambi appalto nel Lazio, come in altre regioni, a causa di  riduzioni orarie, o di offerte economicamente più vantaggiose che a volte sembrano un massimo ribasso mascherato, o per la mancanza di clausole di salvaguardia o per le beghe tra le ditte subentranti e quelle perdenti.

A rimetterci? Solo ed unicamente i lavoratori.

Il nostro sindacato in tutte le sedi sta ribadendo la necessità di intervenire su questi problemi, ma come al solito i provvedimenti adottati sono blandi e non permettono di risolvere tutte le problematiche evidenziate. Se non si metterà ordine – conclude Torluccio - le cose non potranno che peggiorare.

SCARICA IL COMUNICATO

Intervista al nostro Segretario Generale UIL FPL Giovanni Torluccio.

CASSINO - La UIL Federazione Poteri Locali (FPL) sempre più in prima linea sui temi che contano. I vertici nazionali del sindacato, in particolare il Segretario Generale Giovanni Torluccio, accompagnato dal Segretario Organizzativo Michelangelo Librandi e dal Segretario Nazionale Daniele Ilari è stato accolto a Cassino due giorni fa dal Coordinatore Nazionale Uil FPL  per le Camere di Commercio, Guido Vacca. 

Al segretario Torluccio abbiamo possto alcune domande in merito a sanità, enti locali, blocco dei contratti del pubblico impiego. 

La Sanità territoriale caratterizzata da reparti sprovvisti di personale medico, pronto soccorso in tilt e tagli per il contenimento della spesa. Il sindacato come si pone di fronte a questo tipo di emergenze?

EFFEPIELLE INFORMA

ULTIME NEWS

LOCANDINE