COMUNICATO STAMPA FP-CGIL CISL-FP UIL-FPL UIL-PA
Sindacati a Renzi: “Sotto l’albero pubblico non vogliamo regali, ma un contratto giusto”

Roma, 11 dicembre 2015 - “Sotto l’albero di Natale del pubblico impiego non vogliamo regali, ma un contratto giusto per i lavoratori e per i cittadini”. Dopo i 30mila in piazza del 28 novembre scorso, le categorie del pubblico impiego di Cgil Cisl e Uil tornano a far sentire la protesta dei lavoratori dei servizi pubblici, senza contratto ormai da 6 anni, contro l’assordante silenzio del Governo. “Porteremo al premier Matteo Renzi e al ministro Marianna Madia gli auguri di milioni di lavoratori pubblici che anche quest’anno dovranno festeggiare con la scatola vuota della legge di Stabilità” attaccano i segretari generali Rossana Dettori (Fp-Cgil), Giovanni Faverin (Cisl-Fp), Giovanni Torluccio (Uil-Fpl) e Nicola Turco (Uil-Pa). 

Martedì 15 dicembre Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Fpl e Uil-Pa saranno dunque a Montecitorio, sotto la Camera dei Deputati dove si discuterà la fiducia sul provvedimento, per un sit-in di protesta dalle ore 10.30 alle 13.30. “Vogliamo il contratto e non andiamo in vacanza”, rimarcano i segretari, “Come non andranno in vacanza i lavoratori pubblici che assicureranno, anche durante queste festività, sicurezza, salute, legalità, sostegno ai più deboli, servizi alle comunità”. 

“Ancora una volta, proprio nel momento in cui il Paese ha più bisogno di presenza e di attenzione ai bisogni di persone e imprese, il Governo si gira dall’altra parte. Noi non ci stiamo. Vogliamo un contratto per rendere più forti i servizi pubblici, valorizzando le professionalità dei lavoratori. E vogliamo investimenti veri nella formazione, nell’innovazione organizzativa, nelle competenze. Questo è il cambiamento che non solo i lavoratori, ma l’intera comunità si aspetta. E il miglior augurio che un Governo può mandare al Paese”.

Scarica il VOLANTINO

Comunicato Stampa Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uilpa

Messaggio speciale a governo Renzi, a Natale niente regali ma rinnovi subito

Roma, 14 dicembre 2015 - Un pensiero speciale, in vista del prossimo Natale, da consegnare direttamente al presidente del Consiglio. Un messaggio netto e chiaro per ribadire come le lavoratrici e i lavoratori dei servizi pubblici non si aspettano 'regali' sotto l'albero ma il riconoscimento di un loro diritto: un contratto giusto, che manca ormai da oltre sei anni. Lo 'consegneranno' Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa domani (martedì 15 dicembre) al governo in occasione del sit-in che si terrà a Roma in piazza Montecitorio dalle ore 10.30 alle 13.30, in contemporanea con la discussione alla Camera dei deputati sulla legge di Stabilità.

Dopo la grande manifestazione del 28 novembre scorso a Roma, con i 30 mila in piazza per rivendicare - dietro le parole 'Contratto subito, pubblico 6 tu' - le categorie del pubblico impiego di Cgil Cisl e Uil tornano a far sentire la protesta dei lavoratori dei servizi pubblici contro l'assordante silenzio del Governo nei confronti di un rinnovo dei contratti atteso da oltre sei anni.

In piazza domani, alla presenza dei segretari generali Rossana Dettori (Fp-Cgil), Giovanni Faverin (Cisl-Fp), Giovanni Torluccio (Uil-Fpl) e Nicola Turco (Uil-Pa), saranno 'consegnati' al premier, Matteo Renzi, e alla ministra della Pa, Marianna Madia, “gli auguri di milioni di lavoratrici e lavoratori pubblici che, anche quest'anno, dovranno festeggiare con la scatola vuota della legge di Stabilità".

SCARICA IL COMUNICATO

Intervista al nostro Segretario Generale UIL FPL Giovanni Torluccio.

CASSINO - La UIL Federazione Poteri Locali (FPL) sempre più in prima linea sui temi che contano. I vertici nazionali del sindacato, in particolare il Segretario Generale Giovanni Torluccio, accompagnato dal Segretario Organizzativo Michelangelo Librandi e dal Segretario Nazionale Daniele Ilari è stato accolto a Cassino due giorni fa dal Coordinatore Nazionale Uil FPL  per le Camere di Commercio, Guido Vacca. 

Al segretario Torluccio abbiamo possto alcune domande in merito a sanità, enti locali, blocco dei contratti del pubblico impiego. 

La Sanità territoriale caratterizzata da reparti sprovvisti di personale medico, pronto soccorso in tilt e tagli per il contenimento della spesa. Il sindacato come si pone di fronte a questo tipo di emergenze?

La Uil considera positivamente la disponibilità del Governo a stanziare nel DEF la copertura delle somme per i rinnovi contrattuali nel settore pubblico, se il Consiglio dei Ministri di oggi confermasse tale disponibilità.Tale scelta, ancora una volta, testimonia l’importanza dell’accordo del 30 novembre voluto e firmato da Uil, Cisl, Cgil e Governo proprio sui contratti e sulle modifiche normative da inserire nel Testo Unico per ripristinare la contrattazione, sia nazionale sia di secondo livello, liberandola dai vincoli legislativi e ripristinando le relazioni sindacali.Quell’accordo è stato rispettato dal Governo in alcune parti con i provvedimenti presi, anche se ancora sul Testo Unico, abbiamo proposto in Parlamento, nelle varie audizioni, di emendarlo per il rispetto pieno dell’Accordo e chiediamo alla Ministra Madia di convocare una riunione per discutere e confrontare le nostre proposte di emendamento, nel rispetto dell’accordo stesso. Adesso si faccia immediatamente la direttiva per avviare formalmente le trattative all’Aran e sottoscrivere anche per i lavoratori pubblici, come per gli altri settori produttivi, i rinnovi contrattuali.

Pagina 6 di 6