Province, Proclamato lo Stato di Agitazione del Personale. Senza garanzie mobilitazione ad oltranza

25 Febbraio 2015
Pubblicato in Comunicati stampa Etichettato sotto

E’ stato di agitazione per il personale delle amministrazioni provinciali.

A proclamarlo con Fp-Cgil Cisl-Fp e Uil-Fpl, le centinaia di quadri e dirigenti sindacali delle amministrazioni provinciali di tutta Italia che hanno partecipato oggi a Firenze all’iniziativa nazionale di mobilitazione delle tre sigle.
“Questa assemblea – spiegano le tre organizzazioni sindacali – rappresenta il trampolino di lancio della nostra protesta. Non ci fermeremo fin quando il Governo non garantirà risposte certe per i lavoratori e per i servizi alle comunità locali”.
“Troppe sono le incertezze”, hanno denunciato le organizzazioni sindacali: “indeterminatezza sui tempi e sulle modalità attraverso le quali il Governo e le Regioni intendono portare a conclusione il percorso di riassetto territoriale, incertezza sulla complessiva tenuta del sistema (dopo i preoccupanti tagli apportati ai finanziamenti degli enti locali con la legge di stabilità 2015) e sulle effettive garanzie a salvaguardia dei livelli occupazionali e salariali”.
Per questo l’assemblea ha indicato all’unanimità, approvando uno specifico ordine del giorno, la strada da percorrere: “Stato di agitazione di tutti i dipendenti provinciali e mobilitazione capillare a livello territoriale in ogni provincia con manifestazioni assemblee e presidi. E poi una manifestazione nazionale delle tre sigle sindacali entro il 31 marzo prossimo”.
“Da governo centrale e governi regionali pretendiamo un radicale cambio di rotta”, concludono Fp-Cgil Cisl-Fp e Uil-Fpl. “Per questo rivendichiamo l’apertura di un confronto serio che assicuri ai cittadini e ai lavoratori la piena sostenibilità del sistema e la salvaguardia occupazionale intervenendo, se necessario, anche normativamente per correggere i tagli finanziari a regioni, province e comuni”.

Letto 1152 volte

ULTIME NEWS

LOCANDINE