UIL, CGIL, CISL. Invio proposta emendativa alla Legge di bilancio 2019

15 Novembre 2018
Pubblicato in Comunicati stampa

Ai Componenti delle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato della Repubblica

Ai Gruppi Parlamentari della Camera e del Senato della Repubblica

Oggetto: Invio proposta emendativa alla Legge di bilancio 2019

Ill.mi Senatori e Onorevoli,

le scriventi OO.SS. nel trasmettere le proposte emendative al ddl legge di bilancio 2019, ritengono necessario ribadire quelli che a nostro avviso sono i punti di caduta, del provvedimento in esame. In primo luogo il piano di assunzioni indicato nel disegno di legge si dimostra del tutto insufficiente, una misura che non affronta la situazione di grave carenza di organico immediata e di prospettiva che caratterizza il settore pubblico. Valutando anche la prevista riforma delle pensioni, la possibile introduzione della quota 100 impatterebbe in modo particolarmente rilevante sul personale pubblico, vista l'elevata età media e l'elevata anzianità di servizio, aggravando una situazione che in molti casi è già al limite della possibilità di funzionamento dei servizi. Il secondo punto di criticità, a nostro avviso, sono le risorse stanziate per il rinnovo dei Contratti nazionali nel periodo 2019-2021. I fondi stanziati ammontano rispettivamente a 1,1 miliardi di euro, 1,425 miliardi, e 1,775 miliardi a regime. Tenuto conto che tali importi sono al lordo dei contributi previdenziali e dell'IRAP e che incorporano l'erogazione dell'indennità di vacanza contrattuale, nella misura dello 0,42% degli stipendi tabellari da aprile a giugno 2019, e dello 0,7 dal 1° luglio e calcolano altresì l'elemento perequativo stabilito dai CCNL, è facile prevedere che gli stanziamenti indicati siano del tutto insufficienti a garantire il recupero del potere d'acquisto delle retribuzioni dei dipendenti pubblici. Inoltre appare ancora una volta necessario intervenire per chiarire, in via interpretativa la norma contenuta nell’articolo 23, comma 2, del decreto legislativo n. 75/2017, correttivo del c.d. TUPI (d.lgs. n. 165/2001), nella parte in cui fa riferimento al tetto massimo della spesa pubblica. E’ quindi fondamentale specificare quali siano le risorse che restano escluse da quelle oggetto di disposizione prevista dal comma 2 dell’articolo 23 e quelle, cioè, che non concorrono a formare il tetto di spesa. Auspichiamo, dunque, che le Commissioni e i rappresentanti dei Gruppi parlamentari pongano l’attenzione sui punti di cui sopra e tengano conto della delicatezza e della importanza delle questioni indispensabili per la corretta applicazione delle norme contenute nel testo in questione e l’applicazione uniforme delle norme di garanzia per tutti i lavoratori interessati dal suddetto disegno di legge.

Scarica l' Invio proposta emendativa

Proposte Emendative DDL Stabilità 2019

Letto 668 volte

ULTIME NEWS

LOCANDINE