Pa: Cgil Cisl Uil incontrano Regioni, preoccupa riforma pubbliche amministrazioni

13 Febbraio 2019
Pubblicato in Comunicati stampa

Pa: Cgil Cisl Uil incontrano Regioni, preoccupa riforma pubbliche amministrazioni

21 febbraio nuova tappa mobilitazione per  assunzioni, contratti e investimenti

“Stamattina abbiamo avuto un incontro positivo con il Presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini a cui abbiamo consegnato le nostre preoccupazioni e formulato le nostre osservazioni, già evidenziate al Ministero della Pubblica Amministrazione, sul Disegno di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, recentemente presentato dal Governo”. È quanto affermano i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli e Michelangelo Librandi, in merito all’incontro avuto oggi con il presidente Bonaccini.

La Conferenza delle Regioni, affermano i sindacalisti, “ci ha dato disponibilità al confronto sull’articolato del disegno di legge in modo da seguirne l’iter , condividendo la necessità che gli interventi previsti siano realmente efficaci e finalizzati al miglioramento delle Pubbliche Amministrazione. In particolare il confronto si è soffermato sul riordino delle norme che riguardano la Dirigenza, le procedure concorsuali, la valutazione, il rapporto tra la contrattazione collettiva e la legge.

Nel dettaglio, aggiungono Sorrentino, Petriccioli e Librandi,  “abbiamo chiesto alle Regioni di sensibilizzare il Ministro della Pubblica Amministrazione sul tema delle Assunzioni nelle amministrazioni pubbliche, relativamente alle ricadute che rischiano di avere i provvedimenti contenuti nella legge di bilancio, nel ddl concretezza e ddl semplificazioni”.

Il risultato di questo insieme di provvedimenti, fanno sapere,  “determina un ritardo nelle assunzioni che sarebbe necessario fare, non solo per garantire il turn over ma anche per potenziare servizi strategici, determinando incertezza, sia per chi ha già effettuato un concorso e vede decadere la sua graduatoria, sia per le amministrazioni che, in particolare in alcune aree come la sanità, si troveranno nella necessità di fare un concorso ogni 6 mesi”.

I segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl sottolineano la necessità che “una modalità di confronto permanente e di riscontro sul merito che abbiamo consolidato con il sistema delle Regioni, sia estesa anche al Governo. La Pubblica amministrazione è una sistema complesso ed articolato che ha molte specificità e dovrebbe sempre vedere cooperazione tra livelli istituzionali e parti sociali. Sarebbe un’innovazione importante quella di realizzare un confronto trilaterale fra il Governo, le Regioni e le Organizzazioni di Rappresentanza dei Lavoratori delle Amministrazioni Pubbliche”.

Infine, sul tema dei contratti pubblici, proseguono, “abbiamo informato il Presidente della Conferenza che, anche alla luce della  sostanziale fase di stallo delle relazioni con l’Aran, sia sulla dirigenza che sulle commissioni paritetiche per l’ordinamento, il prossimo 21 febbraio sono convocati gli esecutivi unitari a Roma e un presidio al pomeriggio presso Aran come tappe della mobilitazione di Cgil Cisl e Uil di categoria su : Assunzioni, contratti e investimenti di risorse per potenziare e migliorare i servizi pubblici”, hanno concluso i Segretari di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Scarica il Comunicato Stampa

Letto 742 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Febbraio 2019 14:35

ULTIME NEWS

LOCANDINE