Contratti. Cgil, Cisl, Uil, Ottenuto impegno della Conferenza Stato Regioni su rinnovo Sanità Privata. Pronti ad alzare livello dello scontro

03 Luglio 2019
Pubblicato in Comunicati stampa

“Oggi, nell’ambito della discussione per il Patto della Salute, avviata col Presidente Bonaccini e l’Assessore Venturi in Conferenza Stato-Regioni, abbiamo ottenuto l’impegno a modificare la normativa relativa agli accreditamenti delle aziende private che erogano servizi sanitari pubblici, inserendo un criterio che preveda tempi congrui per i rinnovi dei CCNL tra le aziende e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, in coincidenza con i rinnovi del CCNL della Sanità Pubblica”. Lo dichiarano i Segretari Generali Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli e Michelangelo Librandi, a margine di un incontro avvenuto stamane alla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

“Non esistono lavoratrici, lavoratori e professionisti di serie A e di serie B. Chi eroga servizi sanitari, nel pubblico come nel privato merita rinnovi adeguati, con tempistiche certe e un riconoscimento professionale che non può più essere rimandato. Le organizzazioni sindacali non sono più disposte a tollerare che i signori della Sanità Privata italiana dichiarino miliardi di euro in fatturati, giocando sulla pelle di chi ogni giorno si prende cura delle persone con contratti scaduti da oltre 12 anni. È intollerabile inoltre che AIOP parli di ‘oneri insostenibili’ e minacci addirittura licenziamenti e rivalse sui lavoratori”, proseguono.

“Monitoreremo la situazione affinché, già nei prossimi giorni, si dia seguito a questo impegno e siamo pronti ad alzare il livello dello scontro se le parti datoriali continueranno in questa incomprensibile indisponibilità a trattare”, concludono i segretari generali.

Scarica il comunicato Stampa

Letto 1076 volte Ultima modifica il Mercoledì, 03 Luglio 2019 10:31

ULTIME NEWS

LOCANDINE