“Misure inaccettabili, che introducono una disparità tra regioni e, di conseguenza, una diversificazione nell’esegibilità del diritto alla salute”. Così Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl commentano le indiscrezioni di stampa, che riportano fonti governative, secondo le quali sarebbe in arrivo un tetto di spesa per le assunzioni di personale sanitario diversificato tra regioni e regioni. 

“Se dovessero essere confermate queste misure - proseguono - ci troveremmo difronte a una intollerabile diversificazione che determinerà una ulteriore esplosione delle diseguaglianze in termini di diritto alla salute. Per queste ragioni, in attesa del confronto che ci sarà oggi tra governo e sindacati, sulla legge di bilancio, ribadiamo le priorità relative non solo allo sblocco del turn over ma, soprattutto, all’adozione di un piano straordinario di nuova e stabile occupazione”. 

“Bisogna concretamente riaffermare il valore della Pubblica amministrazione, così come recita la piattaforma unitaria di Cgil, Cisl e Uil, come cerniera tra cittadini, imprese e servizi e quindi fondamentale strumento per accompagnare le politiche per la crescita e lo sviluppo nel paese. Per queste ragioni sollecitiamo il governo a smentire queste indiscrezioni che, al contrario, se dovessero essere confermate oggi durante l’incontro troveranno la nostra ferma e determinata opposizione”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Riforma P.A. UIL FPL – UIL PA: soddisfatte le nostre richieste sui precari. - Comunicato stampa.

Il Governo non ha più alibi. Subito direttiva ARAN per rinnovo CCNL

Roma, 04 Maggio 2017 “Esprimiamo soddisfazione per il via libera delle Commissioni parlamentari sul testo della riforma del Pubblico Impiego targata Madia, uscito rafforzato nella parte relativa alle nostre richieste di stabilizzazione dei precari.” Così in una nota il Segretario Generale della Uil Fpl  Michelangelo Librandi ed il Segretario Generale della Uil Pa Nicola Turco.

“ Stabilizzazioni a maglie larghe per i precari e i collaboratori, che potranno accedere al posto fisso purchè abbiano maturato tre anni di servizio negli ultimi otto. Parliamo di una possibile platea di circa 50.000 nuovi ingressi stabili nella Pubblica Amministrazione” e, affermano i Segretari, “ con i pareri favorevoli delle Commissioni di Camera e Senato, si è concluso l’iter parlamentare dello schema di Dlgs del testo unico del pubblico impiego, ultimo tassello attuativo della legge delega Madia; l’approvazione definitiva dal Consiglio dei Ministri è attesa nei prossimi giorni.”

“ Adesso, quindi - concludono Librandi e Turco - dopo un impegno preciso sul precariato, il Governo non ha più alibi: si inauguri una nuova stagione contrattuale con l’invio dell’atto di indirizzo all’Aran e la riapertura immediata del rinnovo contrattuale. A beneficiarne non saranno solo i lavoratori e le lavoratrici del pubblico impiego, ma la qualità dei servizi offerti ai cittadini.”

ULTIME NEWS

LOCANDINE