Si è conclusa oggi una prima e straordinaria giornata

Oggi incontro tra sindacati e Fondazione che si impegna a dare risposta entro 7 giorni'

Infanzia: Cgil Cisl Uil Fp, impegno sicurezza nei servizi educativi scolastici 0-6

Roma, 13 maggio – “È necessario un protocollo nazionale con i Ministeri competenti e l’apertura di un confronto di merito sul documento, che sarà stilato dal Comitato tecnico-scientifico, al fine di garantire sicurezza totale per le bambine e i bambini, così come per il personale impegnato nei servizi scolastico educativi”. Ad affermarlo sono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl dopo un confronto con l’Anci, annunciando che: “Insieme monitoreremo le indicazioni che il Comitato tecnico scientifico ci fornirà per garantire la riapertura in totale sicurezza dei servizi sia gestiti dal pubblico che dal privato”. Insieme a questo elemento, sindacati rivendicano inoltre: “Un’attenzione determinante da parte dello Stato, in termini di investimenti, per garantire la continuità dei servizi educativi, contrastando processi di progressivo indebolimento. Serve per queste ragioni garantire e rilanciare il tema dell’occupazione del settore, di investire risorse economiche adeguate anche per sostenere le attività svolte dai soggetti privati e di assicurare un impegno sul tema dell’edilizia scolastica. C’è bisogno di mettere al centro questo settore strategico, offrendo la garanzia di continuità e al tempo stesso di rilancio dei servizi educativi. Diamo rilevanza a questo settore, parte essenziale e fondante del sistema scuola, assicurandone continuità e futuro, garantendo un diritto delle bambine e dei bambini, delle lavoratrici e dei lavoratori”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

SCARICA IL COMUNICATO UNITARIO.

SCARICA LA NOTA UNITARIA SULL'INCONTRO CON ANCI SUL TEMA DEI SERVIZI EDUCATIVI- SCOLASTICI.

 

Il primo Marzo 2018, dopo l’esito positivo della consultazione dei lavoratori, abbiamo ratificato l’ipotesi di accordo sottoscritta con la Fondazione Don Gnocchi il 17 gennaio scorso.

Con questo accordo FDG rinuncia all’applicazione unilaterale del ccnl RSA Aris a tutti i Centri e si impegna ad applicare il ccnl sanità privata ai Centri a prevalente attività riabilitativa-sanitaria

Il percorso di attuazione prevede l’istituzione di un primo regime contrattuale condiviso e transitorio per la gestione dei rapporti di lavoro; il secondo, a partire dal 1 gennaio 2020, vedrà la messa a regime di quanto oggi concordato”.

Viene così riconosciuta l’esistenza di due filiere diverse: una socio-assistenziale, alla quale sarà applicato – dal 1.1.2020 - il CCNL ARIS RSA e CDR; l’altra riabilitativa-sanitaria, alla quale sarà applicato il CCNL ARIS Sanità. Abbiamo inoltre ottenuto la quantificazione a 14 minuti a turno come tempo di vestizione e consegna; infine, il riconoscimento di un importo di 1.150 euro ai lavoratori assunti prima del 7 dicembre 2015

Abbiamo anche definito indicatori per la corresponsione a tutto il personale in servizio di ulteriori premi legati alla produttività che, su richiesta, possono essere convertiti in welfare per lavoratrici, lavoratori e famiglie; e ottenuto l’erogazione di buoni spesaper ciascuno degli anni 2018 e 2019.

Con questo importante accordo, abbiamo ristabilito normali relazioni sindacali che favoriranno l’avvio di trattative per la contrattazione di secondo livello, struttura per struttura, prevedendo anche l’istituzione di un tavolo nazionale paritetico per monitorare l’applicazione dell’accordo in tutte le sue parti.

Scarica la Nota Unitaria

Scarica il Verbale di ratifica 1.3.2018

Scarica l'Ipotesi di accordo 17.1.2018

Scarica la Tabella dei risultati delle consultazioni nelle assemblee

Pagina 3 di 3

ULTIME NEWS

LOCANDINE